Per poter visualizzare tutti i contenuti è necessario avere la versione attuale di Adobe Flash Player.

RITRATTO IN NATURA Ravera Enrico BENVENUTO SU DI ME PUBBLICAZIONI. REPORTAGE. Rana Temporaria (Anfibi della val d'Aveto) - Ritratto in Natura,Ravera Enrico Nature Photography PENTEMA : TERRA DEI TRAVERSO E BEVILACQUA - Torriglia,Presepe,Tradizioni,Storia,Reportage - Ritrattoinnatura.com Pentema,Torriglia,Alta Val Trebbia,Parco Regionale Naturale dell'Antola,Presepe,natale,storia,tradizioni,Fotografia,Buoni di Pentema. Presepe di Pentema - RITRATTOINNATURA.COM GALLERY B/N GUEST BOOK NUOVE FOTO VIDEO E SUONI  AMPHIBIA - [BIOLOGIA] GALLERIA MACRO Rana rossa (Rana temporaria) - Ritrattoinnatura Rana temporaria,common frog,Rana Bermeja,mating,eggs,deposizione,accoppiamento,migrazione,deposizione,Anura,Anfibi,Amphibia,Val d'Aveto,Liguria,Val Trebbia,Laghetto del Penna,Agoraie,Moggetto,lago delle Lame,Rezzoaglio. [Val d'Aveto ] La dura vita della Rana temporaria - Enrico Ravera . Nature Report Rana temporaria - Ritratto in Natura [Report] Attimi di natura della Rana temporaria in Val d'Aveto RANA MONTANA [Rana temporaria] - Anfibi della Val d'Aveto - Ritratto in Natura Anfibi,Amphibia,Salamandra pezzata,Rospo Comune,Rana Temporaria,Bombina Orientalis,Raganelle,Tritoni,Anura,Caudata. AMPHIBIA - [ANFIBI] GALLERIA NATURA FUNGHI [MUSHROOM] - Val d'Aveto SCHEDA INFORMATIVA [FUNGHI] -  MANTIDI E FASMIDI.  Mantide Religiosa,Mantis religiosa,mantide europea,Mantodea,Mantoidei,Mantidae,cannibalismo post-nuziale,ooteche,raptatoria,anatomia,caratteristiche,significato. [SCHEDA DESCRITTIVA] Il cannibalismo per devozione della Mantide religiosa - Ritratto in natura Ritratto in Natura [Ameles Spallanzania] Dwarf Mantis.Scheda Informativa. Ritratto in Natura [Bacillus Rossius] Insetto Stecco. Scheda informativa. Lepidoptera,Lepidotteri,Farfalle,Butterflies,Mariposas,Falene,Bruchi,Crisalidi,Insetti,fotografia. MACROFOTOGRAFIA [FARFALLE] - Ritratto in Natura [INSETTI] FARFALLE IN LIGURIA - ritrattoinnatura.com MACROFOTOGRAFIA.SCHEDA LEPIDOTTERI Salamandra salamandra,Salamandra pezzata,Salamandra giallo-nera,giglioli,fire salamander ,Caratteristiche,Habitat,descrizione,anatomia,accoppiamento,dieta,anfibi,Amphibia,liguria,Val d'Aveto,Val Trebbia,Italia. SALAMANDRA PEZZATA [Val d'Aveto] - Ritratto in Natura Bufo bufo ,Rospo comune,common toad,sapo común,descrizione,habitat,accoppiamento,deposizione,vita,anura,anfibi,Amphibia,Val d'Aveto,Liguria,Val Trebbia,Italia ROSPO COMUNE [DEPOSIZIONE UOVA] - Ritratto in Natura Bombina Orientalis,ululone dal ventre di fuoco,alimentazione,terrario,Caratteristiche,Alimentazione,Riproduzione,anura,anfibi,Amphibia,Rane ,Rospi. BOMBINA ORIENTALIS [Ululone Dal Ventre Rosso] - Ritratto in Natura RHYNCHOTA - RINCOTI - [EMITTERI - HEMIPTERA LINNAEUS,1758 ] CICALA [EHEMIPTERA ] - EMITTERI DESCRIZIONE. ORTOTTERI [ORTHOPTERA] - Ritratto in Natura  ORTHOPTERA [ORTOTTERI] SCHEDA INFORMATIVA - Ravera Enrico ARACNIDI - Ritrattoinnatura MACROFOTOGRAFIA . Ragni e Aracnidi - [Scheda informativa] LE LIBELLULE E LE DAMIGELLE [ODONATA, ANSIOTTERI E ZIGOTTERI] - RITRATTOINNATURA [ODONATA] SCHEDA INFORMATIVA - Ritrattoinnatura NEUROTTERI - [NEUROPTERA] - LIBELLOIDES COCCAJUS NEUROPTERA - [NEUROTTERI] - SCHEDA INFORMATIVA 

Ritratto in Natura [Bacillus Rossius] Insetto Stecco. Scheda informativa.

BACILLUS ROSSIUS

Insetto Stecco (Rossi, 1792)

BACILLUS ROSSIUS ANATOMIA

BACILLUS ROSSIUS DESCRIZIONE

DESCRIZIONE :Il Bacillus Rossius,appartiene alla famiglia (PHASMOIDEA),baccillinae,Areolatae.Provenienza (Francia , Spagna , Italia nelle coste Mediterranee). Le femmine misurano Fino a 11 Cm e presentano colorazione marroncina e chiara,tendente al bianco. La zona Addominale nella parte delle zampe posteriori si presenta molto tozza,per poi diminuire e appiattirsi via ,via andando verso il capo. I soggetti maschi,sono molto piu' difficili da osservare, presentano forma piu' esile e minuta e misurano dai 3 ai 5 Cm. Gia' dal terzo Mese dalla nascita,l'insetto stecco e' maturo sessualmente. dal raggiungimento di questo periodo di vita si protende ancora per circa 4 - 5 mesi. La riproduzione avviene per la maggior parte dei casi per Partenogenesi.La partenogenesi , ovvero riproduzione verginale è un modo di riproduzione in cui lo sviluppo dell'uovo avviene senza che questo sia stato fecondato. È la modalità di riproduzione sessuata non anfigonica più frequente in natura e può essere considerata come una riproduzione sessuale “asessuata” perché, pur implicando la formazione di gameti, non richiede fecondazione.Tale discendenza può essere telitoca (discendenza composta di sole femmine), arrenotoca (discendenza composta di soli maschi) o deuterotoca (discendenza composta da entrambi i sessi); un organismo non può però riprodursi in più di un tipo di partenogenesi.

qualsiasi femmina proveniente dalle popolazioni partenogeniche può essere fecondata da un maschio ed è in grado di produrre discendenza deuterotoca (comprendente entrambi i sessi) e naturalmente, femmine che normalmente si riproducono per via anfigonica, isolate dai maschi, possono dare ovature con una certa discendenza partenogenica telitoca, con una netta tendenza, deposizione dopo deposizione, ad ottenere rese molto alte rispetto alle prime deposizioni in assenza di maschi. Le uova assomigliano a piccoli semi e presentano come un piccolo coperchio che si stacchera al momento della schiusa.Generalmente la femmina puo' deporre piu' uova al giorno lasciandole cadere a terra.La schiusa avviene alcuni mesi dopo,e diverse possono schiudersi anche dopo 2 o 3 anni. L'insetto stecco si nutre in prevalenza di piante come il Rovo , Rosa Canina, Rododendro , Mirtillo e Pistacia Lentiscus che poi sono anche le piante dove e' piu' facile osservarne la presenza.Questo Fasmide presenta il capo Prognato , l'osso mascellare sporge rispetto alla mandibola nella visione di profilo.Sono presenti in questa zona anatomica 2 Antenne sottili e formate da diversi articoli. Dispongono di potenti mascelle per la masticazione.Il Pronoto e' piccolo , ma il Mesonoto e il Metanoto sono molto lunghi e possono raggiungere insieme la meta' della lunghezza del corpo. Le zampe sono simile ai Tarsi e presentano 5 articoli, fatta eccezzione per le zampe perdute. I Bacillus sono Atteri , privi di ali. L'addome termina con un paio di piccoli Cerci. L'allevamento di qesti insetti non e' complicato, l'importante e' che il contenitore o terrario sia disposto di griglie o coperchio forato in modo che vi sia un abbondante circolo d'aria. Vivendo in un clima mediterraneo il livello di umidita' nel terrario non deve essere molto alto , si avra' la precauzione di nebulizzare in esso di tanto in tanto qualche goccia d'acqua.Si avra' cura di alimentare con le piante nutrici menzionate in precedenza,assicurandosi che naturalmente non siano state trattate con pesticidi. Fra le altre curiosita' il Bacillus Rossius e' un soggetto dai movimenti lenti e pigri, fatto sta' che per lungo tempo rimane fermo ed immobile ben mimetizzato con l'ambiente circostante . In alcuni casi terminata la provvigione di cibo della pianta dove si sono insediati e vivono ,muoiono propio per questa sua caratteristica. Come Mezzo di difesa l'Insetto stecco, oltre al mimetismo,in alcuni casi ricorre alla Tanatosi ,un comportamento difensivo, l'animale finge di essere morto, come ultima risorsa, quando il predatore gli impedisce ogni altra via di fuga. Con tale atteggiamento la preda scoraggia il predatore ,molti animali infatti non mangiano cadaveri la cui carne potrebbe essere in putrefazione, risultando tossica. Il predatore quindi, si allontana, e la preda scappa velocemente al sicuro. Sono insetti dalle abitudini prettamente Notturne. Questi Sfamidi in passato furono oggetto di studio da parte di Athanasius Kircher (Geisa, 2 maggio 1602 – Roma, 28 novembre 1680) Filosofo. Athanasius Kircher riteneva secondo i suoi studi che l'insetti stecco fossero costituiti da una parte vegetale e da una animale e che si originasse dai rami di (Viburnum L., 1753) in decomposizione , ma fu in seguito che Francesco Redi (Arezzo, 18 febbraio 1626 – Pisa, 1 marzo 1698) medico, naturalista e letterato italiano a studiarne le vere caratteristiche morfologiche di questi insetti , compiendo sui soggetti studi anatomici,rilasciandone una descrizione scientifica molto accurata.

Classificazione scientifica Dominio EukaryotaRegno AnimaliaSottoregno EumetazoaRamo BilateriaPhylum ArthropodaSubphylum TracheataSuperclasse HexapodaClasse InsectaSottoclasse PterygotaCoorte ExopterygotaSubcoorte NeopteraSuperordine PolyneopteraSezione BlattoideaOrdine MantodeaFamiglia MantidaeSottofamiglia AmelinaeTribù AmeliniGenere AmelesSpecie A. spallanzaniaNomenclatura binomialeAmeles spallanzania(Rossi, 1792)

FASMIDI CURIOSITA'

I fasmidi (Phasmatodea, dal greco phasma ‘fantasma') sono un ordine di insetti Pterigoti. terrestri, di medie e grandi dimensioni. Fra le specie piu' conosciute nel mondo troviamo: Bacillus Rossius,Sungaya Inexpectata,Rumulus Thaii,Proscopia Tereriostris,Phyllium Giganteum,Phyllium Celebicum , Phobaeticus Serratipes,Clonopis Gallica, Epidares Nolimetangere, Exatosoma Tiaratum ,Haaniella Dehanni , Heteropteryx Dilatata , NeoiraseaMaerens ,Oreophoetes Peruana.

[BACILLUS ROSSIUS - INSETTO STECCO]

Phasmatodea - Fasmidi [Bacillus Rossius - Rossi, 1792] - Insetto Stecco, Scheda Informativa. Anatomia , Ciclo vitale ,notizie e curiosita'

SCHEDA INFORMATIVA

SCHEDA

MANTIDE

GALLERY

MANTIDI &

FASMIDI

RELIGIOSA

MEZZI Di DIFESA : Come primo mezzo di difesa i Fasmidi utilizzano il mimetismo che permette loro di camuffarsi perfettamente con l'ambiente circostante, grazie anche a dei pigmenti perfezionati nella loro evoluzione che variano a seconda della luce e umidita'. Molti di questi insetti hanno il corpo ricoperto di protuberanze spinose, sgraditissime ai predatori. Altri ricorrono alla tanatosi, L'arte di fingersi morti,infatti se disturbati troppo si lasciano cadere ,rimanendo immobili per parecchio tempo disgustando cosi' il predatore che lo crede privo di vita.Altro mezzo di difesa di alcune specie e' quello di spruzzare del liquido maleodorante ed irritante per il nemico che producono grazie a 2 ghiandole toraciche.Questo veleno non e' dannoso per l'uomo a meno che non vi sia contatto con gli occhi. in altre specie questo veleno e presente su tutto il corpo e permette loro di essere totalmente inappetibili alla preda. Altra difesa e l'auto amputazione oamputazione riflessa,cioe' la capacità di perdere una parte del corpo o di automutilarsi. Viene usata come strategia di difesa lasciando una parte non vitale (un arto ) al predatore. Mentre la parte abbandonata continua a contrarsi distraendo il predatore, la preda è libera di fuggire. La parte monca è destinata a ricrescere.L'autotomìa appare, in generale, come un fenomeno puramente riflesso. L'arco più comune nasce dai sensilli della zampa e procede attraverso i recettori sensoriali superficiali o profondi, con conduzione lungo il nervo femorale, riflessione a livello del ganglio metatoracico e influsso motore fino ai muscoli trocanterici. Le sue conseguenze sono quasi sempre importanti per le forme adulte, molto più gravi per quelle preimmaginali, particolarmente se il fenomeno avviene poco prima di una muta.

OCELLI

OCCHI

ANTENNE

ZAMPE POSTERIORI

ZAMPE MEDIANE

ZAMPE ANTERIORI